A Las Palmas de Gran Canaria si vive bene, ma il viaggio continua

Il lungomare della spiaggia Las Canteras

Il lungomare della spiaggia Las Canteras

Sono di rientro da due settimane a Las Palmas, la principale città dell’isola di Gran Canaria. E’ stato un periodo breve ma molto piacevole e penso di poter dire che Las Palmas sia una città per molti aspetti ideale per chi lavora online e al tempo stesso viaggia. Ecco un po’ di motivi.

Volo economico: dall’Italia ma anche da altri paesi europei il volo per Las Palmas può costare tra i 120 e i 200 euro, decisamente alla portata.
Basso costo della vita: gli affitti sono abbastanza bassi, certo non siamo in Asia ma per una camera in centro si può trovare qualcosa entro i 200 euro mensili. Anche mangiare fuori costa molto poco, si può pranzare con una tapa in qualche bar ristorante per 2 o 3 euro, con un pranzo più abbondante per 5-6 euro. Birra anche a 1 euro, 1,50.
Molto economici anche i taxi, 5 euro per attraversare la città, dalla spiaggia principale Las Canteras alla Cattedrale di Sant’Anna, nel centro storico.
D’altra parte gli stipendi dei locali sono in linea con questo costo della vita, piuttosto bassi.
Mare e clima mite tutto l’anno: nel mese di giugno il clima di Las Palmas è stato perfetto, caldo ma raramente sopra i 30 gradi e sempre abbastanza ventilato, con minime variazioni durante l’anno, stagione invernale compresa durante la quale si va comunque in spiaggia. Il mare non è certo dei più belli, freddo e un po’ mosso e adatto principalmente a chi vuole praticare surf.
Coworking space e internet veloce: negli ultimi tempi è cresciuto il numero dei “nomadi digitali” di passaggio a Las Palmas, tanto che in città sono nati diversi coworking spaces, locali/uffici che in cambio di una piccola quota mensile mettono a disposizione uno spazio comune e la connessione internet per lavorare, senza che lo si faccia da soli a casa propria. La connessione internet wi fi è inoltre abbastanza diffusa in molti locali e luoghi pubblici della città.
Ritmi di vita: se non si è degli stakanovisti che lavorano 14 ore al giorno, al contrario ci si può permettere ritmi lavorativi più blandi, Las Palmas è il posto giusto, con i suoi abitanti che aprono le attività verso le 10 del mattino, fanno la siesta dopo pranzo e si riversano sul lungomare e nelle piazze a partire già dal pomeriggio, per una passeggiata o un aperitivo.
Tolleranza: alle Canarie vige un clima di grande apertura e tolleranza verso diverse situazioni che invece in Italia e in altri stati d’Europa sono fronteggiate e considerate minacce, ad esempio:
- il consumo di marijuana, all’interno dei “Cannabis Social Club”;
- la prostituzione, esercitata all’interno di case dedicate;
- l’omosessualità, verso cui non ci sono i tabu che ci sono in Italia.

Di brutto c’è senz’altro l’edilizia di Gran Canaria, ovvero palazzi con uno stile diverso l’uno dall’altro buttati a casaccio lungo la costa. Non si può avere tutto!
Non bellissima è anche la presenza massiccia di italiani.

I canari: gli abitanti delle Canarie sono per molti aspetti simili agli spagnoli, almeno secondo i luoghi comuni (solari, rilassati il giorno, festaioli la sera), eppure non sono attaccati alla Spagna che infatti non nominano quasi mai, apostrofandola “la penisola”.
Una piccola grande differenza, anche se solo linguistica, tra i due è che la famosa “s” che gli italiani aggiungono ad ogni parola pensando di parlare in spagnolo i canari non la pronunciano nemmeno, per cui anche Las Palmas suona “La Palma”.

Feste: durante le due settimane a Las Palmas sono “incappato” in due grandi feste di piazza. La prima è stata quella per la promozione della squadra di calcio nella massima serie spagnola, dopo un sofferto spareggio contro il Real Saragoza. E’ incredibile come lo sport, in particolare il calcio, riesca a far riversare in piazza migliaia di persone gioiose ovunque nel mondo.
palma

La seconda festa è stata per la notte di San Juan, in cui tante famiglie e gruppi di ragazzi usano trascorrere la sera in spiaggia per poi fare il bagno a mezzanotte.

A raccontarle così le Canarie sembrano un posto da sogno e forse per qualcuno lo sono davvero, visto che negli ultimi anni tante persone hanno scelto queste isole per iniziare una nuova vita, affettiva o professionale.

Per qualcun altro invece è tempo di rimettersi in viaggio, destinazione Marocco…

Di seguito alcune foto di Las Palmas, qui invece il racconto di un viaggio in bici a Gran Canaria da nord a sud, da Las Palmas alle dune di Maspalomas.

DSC_3851

DSC_3854

DSC_3858

DSC_3860

DSC_3862

DSC_3863

DSC_3868

DSC_3877

DSC_3883

DSC_3887

-->