Altro che backpackers, in Australia giovani in fuga dalla crisi

australia-italia

Due settimane forse non sono abbastanza per farsi un’idea corretta del perché e del per come l’Australia sia una meta così ambita da ragazzi di molte parti del mondo, italiani compresi, che in quanto a presenza sono secondi solo agli asiatici (cinesi, taiwanesi, coreani). Però una prima impressione me la son fatta ed è parecchio diversa da quella che avevo immaginato prima di partire, soprattutto per quanto riguarda i miei connazionali.

Ad esempio, che i “backpackers“ italiani vadano in Australia con il Working Holiday Visa per viaggiare e saltuariamente lavorare nelle farm per pagarsi le spese di viaggio, come ho letto in diversi blog e sentito da più persone, non è sempre vero. Almeno qui a Tully la maggior parte dei giovani in particolare italiani è arrivata per fare quello che in Italia non può fare o al massimo potrebbe fare per paghe da miseria: lavorare. Altro che viaggiare e imparare l’inglese. E non sono pochi quelli che sperano di potersi inserire in una farm e ottenere un permanent visa per rimanerci a lavorare a tempo indeterminato.
Insomma, fughe che ricordano sempre di più le migrazioni del Dopoguerra e sempre meno i suggestivi viaggi sulla strada alla Jack Kerouac.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>